Covid e dati: il governo ha sempre sbagliato?