Coronavirus, caccia al paziente zero. Perché resta così importante?